Buona giornata di San Marco con una bella poesia : ANIMA MIA di Rosi Marchese

L’anima soffre

ANIMA MIA di Rosi Marchese

Affranta l’anima mia
ritrova il coraggio
battagliera e basita
con il sorriso
se stessa ha ritrovato.

La luce
di una nuova alba
essa neppur si conoscea
come fosse si forte.

Vincitrice e vincente,
senza ad altri ,
togliere niente
vince una guerra
l’ennesima,la successiva.

Lei che pulita
non puo’ abbattersi
anzi viver la vita
che non la tange,
poichè se

l’animo fosse sereno
e la coscienza pulita
nessuno vale la pena
anima mia
di restar ferita!

Non essere triste anima, non piangere ma sii fiera delle tue paure, delle tue cicatrici, Quando sei triste, quando i pensieri si fanno scuri,prova a volare con la fantasia. Prova ad immaginare un futuro migliore. Aiuterai la tua anima a guarire dalla tristezza, e a farti ritornare il sorriso.

L’Infinito Giacomo Leopardi

L’infinito

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo; ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.

Giacomo Leopardi

Non è stando in alto che ti senti grande e domini il mondo, ma è nel sentirti piccolo che abbracci l’infinito,anche solo ammirando la Natura .

Ecco qui cari amici una delle sue splendide poesia ……LO SPECCHIO di Rosi Marchese

LO SPECCHIO
di
Rosi Marchese
·

Guardo questo specchio
tristemente invecchiato
mi sorride ammiccante
l’occhio ha strizzato.

Lo sguardo io abbasso
poi lo rialzo
vedo una giovine
avvicinarsi

Da lontano
nello specchio riflessa
un immagine confusa
tanto mi somigliava

Nei vaghi ricordi
era giovane e fresca
integra ancora
nella sua bellezza

Mi guarda e non ricorda
eppure in lei io
mi riconosco

Oh specchio specchio
delle mie brame
perchè sorridi
senza parlare ?

Muto resti
accennando un sorriso
intorno alle labbra or
vedo le rughe

Povera farfalla
dalle ali colorate
d’argento ora
si son pitturate

Guardi quei solchi
ti fanno paura e
hai lasciato oltre lo specchio
quella vecchia fanciulla!

Una lacrima scende pensando al passato ..

Capisci l’importanza del tempo quando vorresti fermarlo e, invece, ti accorgi che non potrai mai farlo…..- “Quanti anni hai?”
– “Ho l’età di una donna che si sente ancora un po’ bambina, troppo grande per tornare indietro e ancora troppo piccola per smettere di sognare”.

RICONOSCENZA di Rosi Marchese…… Buona lettura ….è stupenda !!!

Riconoscenza = Gratitudine

RICONOSCENZA di Rosi Marchese

Osservo chi rispetta
a chi ho donato se
trovassi riconoscenza.

Nel cuore suo
come pietre preziose
conservate ha
gioielli d’altruismo
ricevute.

Dal generoso,
quasi un dovere
senza pretese che
fossero riconoscenti
e non indifferenti

Comodo
all’ingrato ingordo
la vita ci insegna
che chi donasse puo’
pretendere.

Differenze
per chi tanto dona
da chi niente ha dato

le quattro moine
non servono
e neppur le leccate.

Se poi ti usassero
indifferenza
noi tutti uguali se pur
tutti da amare

Dio lo comanda
anch’Egli dona ma
osserva

Chi irriconoscente
da chi ama e riconoscente
dagli altri dei di Lui
fa’ la differenza!

POESIE E FRASI DI EMMANUELE PAUDICE

Volete una poesia? Bhè eccovela, ti ritrovi a pensare che
cosa ci fa un ragazzo di 23 anni, su un pc a scrivere a
mezzanotte, non c’è una risposta, potrei dire insonnia,
potrei dire che stò inseguendo delle passioni, la verità
sapete qual è? È che sto scrivendo qualcosa, qualsiasi cosa,
che riesca a farvi rendere conto della mia vita, grazie ai libri
che scrivo, voglio farvi conoscere le mie idee, chi sono
davvero io, ma so che è così complicato entrare nella testa
di un ragazzo così dolce, e così odioso, così controverso
allo stesso tempo,ma d’altronde, le cose più belle sono
sempre le cose più difficili da capire, e p.s non mi stò
descrivendo bello ma semplicemente magnifico hahahaha

“Quando Dio creò l’amore”…Charles Bukowski,

Charles Bukowski, “Quando Dio creò l’amore”

Quando Dio creò l’amore non ci ha aiutato molto 
quando Dio creò i cani non ha aiutato molto i cani 
quando Dio creò le piante fu una cosa nella norma 
quando Dio creò l’odio ci ha dato una normale cosa utile 
quando Dio creò Me creò Me 
quando Dio creò la scimmia stava dormendo 
quando creò la giraffa era ubriaco 
quando creò i narcotici era su di giri 
e quando creò il suicidio era a terra

Quando creò te distesa a letto 
sapeva cosa stava facendo 
era ubriaco e su di giri 
e creò le montagne e il mare e il fuoco 
allo stesso tempo

Ha fatto qualche errore 
ma quando creò te distesa a letto 
fece tutto il Suo Sacro Universo.

Non respingere i tuoi sogni ……Splendida poesia !!


Non respingere i sogni perché sono sogni.
Tutti i sogni possono
essere realtà, se il sogno non finisce.
La realtà è un sogno. Se sogniamo
che la pietra è pietra, questo è la pietra.
Ciò che scorre nei fiumi non è acqua,
è un sognare, l’acqua, cristallina.
La realtà traveste
il sogno, e dice:
“Io sono il sole, i cieli, l’amore“.
Ma mai si dilegua, mai passa,
se fingiamo di credere che è più che un sogno.
E viviamo sognandola.
Sognare è il mezzo che l’anima ha
perché non le fugga mai
ciò che fuggirebbe se smettessimo
di sognare che è realtà ciò che non esiste.
Muore solo
un amore che ha smesso di essere sognato
fatto materia e che si cerca sulla terra.

Pedro Salinas

La speranza…

La speranza
La speranza è quella cosa piumata
che si viene a posare sull’anima
Canta melodie senza parole
e non smette mai
E la senti – dolcissima – nel vento
E dura deve essere la tempesta
capace di intimidire il piccolo uccello
che ha dato calore a tanti
lo l’ho sentito nel paese più gelido
e sui mari più alieni
Eppure mai, nemmeno allo stremo,
ha chiesto una briciola di me
Emily Dickinson

Poesia di Salvatore Armando Santoro

Poesia e sentimento
Le poesie sono spezzoni di sentimento,
il cuore le costruisce ed alleva,
le fa crescere nel silenzio della mente,
danno gioia e senso alla vita.
Quando t’accorgi che sono state scritte ad una persona sbagliata,
non ti affliggi,
le rileggi nel silenzio delle tue giornate,
ti riempiono il cuore di gioia,
di dolcezza,
di tenerezza,
ricordi i momenti in cui le hai composte,
le passioni che provavi,
chi le ha suscitate
ed alla fine ringrazi la tua squallida Musa
di avertele ispirate.

Prenditi cura di Te…

Prenditi cura di Te stesso
metti al riparo i tuoi sogni
da chi non li comprende
perché non è abbastanza grande
il suo amore.

Metti al riparo il tuo cuore
da chi vuole soffocarne i battiti
da chi non li sa ascoltare
perché non è abbastanza grande il suo amore.

Non farti strappare le ali
soffocare il respiro
vola finché puoi
perché domani potrebbe essere troppo lontano
per poterlo ancora fare.

© Silvana Stremiz

Una delle sue splendide Poesie

Due amanti -poesia di- Pablo Neruda

 

Due amanti felici fanno un solo pane,
una sola goccia di luna nell’erba,
lascian camminando due ombre che s’unisco,
lasciano un solo sole vuoto in un letto.

Di tutte le verità scelsero il giorno:
non s’uccisero con fili, ma con un aroma
e non spezzarono la pace né le parole.
E’ la felicità una torre trasparente.

L’aria, il vino vanno coi due amanti,
gli regala la notte i suoi petali felici,
hanno diritto a tutti i garofani.

Due amanti felici non hanno fine né morte,
nascono e muoiono più volte vivendo,
hanno l’eternità della natura.

Pablo Neruda