Pianto Antico -Giosuè Carducci -Una delle più belle toccanti sue poesie

Pianto Antico

L’albero a cui tendevi
la pargoletta mano,
il verde melograno
da’ bei vermigli fior,
nel muto orto solingo
rinverdì tutto or ora
e giugno lo ristora
di luce e di calor.
tu fior della mia pianta
percossa e inaridita,
tu dell’inutil vita
estremo unico fior,
sei ne la terra fredda,
sei ne la terra negra;
né il sol più ti rallegra
né ti risveglia amor.

– Giosuè Carducci

A scuola ai miei tempi ,ogni alunno o alunna la doveva sapere  a memoria ,era obbligo imparare le più belle poesie dei nostri grandi poeti …altrimenti brutto voto all’interrogazione!!

Giosuè Carducci (1835-1907) nacque a Valdicastello vicino a Lucca.
Nel 1849 la famiglia si stabilì a Firenze, successivamente si iscrisse alla Facoltà di Lettere dove nel 1855 conseguì la laurea con una tesi sulla poesia cavalleresca e nello stesso anno pubblicò le sue prime poesie sul mensile “L’Arpa del popolo”.
Nel 1856 dopo essersi trasferito a Santa Maria a Monte insegnò retorica presso il Ginnasio di San Miniato affermando la sua poetica anti-romantica.
Colpito nel giro di due anni da due gravi lutti (nel 1857 morì il fratello Dante e nel 1858 lo stesso padre si suicidò).
Fu di nuovo colpito da gravi lutti familiari nel 1870 con la morte della madre e del figlio Dante, deceduto in tenera età, a cui dedicò la poesia “pianto antico”.

Poesia di Salvatore Armando Santoro

Poesia e sentimento
Le poesie sono spezzoni di sentimento,
il cuore le costruisce ed alleva,
le fa crescere nel silenzio della mente,
danno gioia e senso alla vita.
Quando t’accorgi che sono state scritte ad una persona sbagliata,
non ti affliggi,
le rileggi nel silenzio delle tue giornate,
ti riempiono il cuore di gioia,
di dolcezza,
di tenerezza,
ricordi i momenti in cui le hai composte,
le passioni che provavi,
chi le ha suscitate
ed alla fine ringrazi la tua squallida Musa
di avertele ispirate.

Il Pianista

 

 Suonano nella buia stanza , le note della mia anima , 
al centro del buio , sul pianoforte , 
soltanto una candela , 
che scuote la debole fiamma , ad ogni vibrazione armonica….No , no , non smettere di intonare la tua melodia , 
sconosciuto pianista , di cui non conosco il volto , 
ma di cui avverto il calore , 
non smettere di suonare i miei sogni , 
di irradiare il mio cuore , di vita e ricordi…..Un vento freddo , imperversa nella stanza , 
la fiamma vacilla , ma non si spegne ancora….La melodia invade l’aria intorno a te , anonimo pianista , 
io mi avvicino dalla mia oscurità , e leggo nei tuoi occhi , 
i miei ricordi che scivolano via , 
mentre lacrime calde irrorano il mio volto , 
ti riconosco , anima mia ,
le tue dita , scorrono veloci sulla tastiera , ed ogni vibrazione , è un pezzo di te che muore con il tuo ricordo……mi accorgo che sto morendo , ma non è questo il tuo messaggio , 
non è un grido di battaglia , o uno stridore di lame assassine , 
è il canto dolce dei ricordi , il calore eterno di un abbraccio , 
che non toccherà mai più il mio corpo , ma veglierà il mio nuovo cammino , 
avvolgendo il mio cuore in una melodia…….Ho paura , l’oscurità mi protegge ,
il pianista si è alzato , gli occhi sono adesso luce abbagliante , 
la melodia si è interrotta ……. 
mi sveglio tra gli applausi del pubblico , il sipario si alza e luci
abbaglianti , 
prendono il posto della candela….Sono al centro del palco , al pianoforte ancora muto , 
il pubblico attende l’inizio di una nuova melodia intonata dal mio strumento…
non voglio deluderli , devo suonare , e mentre esce la nuova melodia dal cuore
nascosto 
dello strumento eterno , 
ti sento , anima mia , palpitare nel mio petto………una nuova sinfonia , scuote adesso la mia anima……e il sogno continua..

Riccardo Serchi

La Solitudine ci riempie il cuore di tristezza …..

Briciole di solitudine
Il dolore ti sommerge
quando ancora sei arenata nel fondale dei ricordi,
seppellita dalle emozioni vissute e perse per sempre.
Niente penetra il tuo cuore,
simile ormai a una fitta boscaglia
dove non penetra più
nemmeno un raggio di sole.
Odi solo dei suoni lontani,ovattati,
la nebbia che ti copre gli occhi,
che ti nega il sorriso della vita
Odi solo il suono dei tuoi solitari passi,
mentre lacrime di malinconia solcano il tuo volto
alla fioca luce della luna,
tu sola con la tua solitudine.
Poesia bellissima di
  Simona Antare

Nostalgia

  • Mi riporta la mente al passato,
    mi trascina seco lontano
    attraverso soavi ricordi.
    Una figura mi balza improvviso:
    ha negli occhi lucenti un sorriso,
    un tenero dolce sorriso.
    Soffia un soave alito fresco
    e al core giunge il sereno.
    Carezzo il visino e i capelli,
    nell’aria mi trema la mano.
    E nell’ombra mi porge tremanti,
    due petali rossi, olezzanti,
    due labbra carnose, cocenti,
    due morse che premono forte.
    È stanco il volto, è svagato,
    ma è quello che sempre ho sognato.

  • Alfonso Chiaromonte

Anche se ci siamo persi …..strada.

Ricordo ogni secondo passato con te, tra mille difficoltà della vita che ci ha causato. Sei e sarai sempre la mia energia . Il tuo pensiero mi fa vivere, vorrei averti sempre con me, ma neanche l’eternità basterebbe per dirti tutto quello che ho provato fin dal primo secondo, anche se tra il rimbeccarsi a vicenda ! ma c’è una sola cosa che mi viene in mente ora(i momenti con tenerezze che ci legavano )Grazie per questo!!Chissà se tra quei granelli di vita ti è rimasto anche un po’ di me.Con questo freddo ci vorrebbe qualcosa di caldo, per esempio un abbraccio. Magari il tuo.

Silvana Stremiz l’ha pubblicata-bellissima ! ed io gli affianco il mio video e la mia immagine gif

Terzo ricordo

Ancora i valzer del cielo non avevano sposato il gelsomino e la neve,
né i venti riflettuto la possibile musica dei tuoi capelli,
né decretato il re che la violetta fosse sepolta in un libro.No.Era l’età nella quale viaggiava la rondine
senza le nostre iniziali nel becco.
Quando convolvoli e campanule
morivano senza balconi da scalare né stelle.L’età
nella quale sull’omero di un uccello non c’era fiore che posasse il capo.Allora, dietro al tuo ventaglio, la nostra prima luna.

Rafael Alberti

Un pezzo della nostra Vita

I ricordi non sempre fanno piacere

Ricordare …

Il nostro  passato è un pezzo della nostra vita che non tornerà mai più. I ricordi belli si rivivono con un magone al cuore , perché quei tempi non torneranno  mai più. Quelli brutti, a tratti riemergono con delle fitte al cuore ! “Indelebile è il Passato “ Del nostro passato ,spesso vorremo sbarazzarcene , ma qualcosa rimane sempre. Se ciò che resta non ci fa piacere, servirà come monito per un futuro migliore.