Sfruttamento proletario

La classe, quasi sempre rumorosa, appare silenziosa. Che cosa può essere
successo? Mi avvicino e noto che gran parte della classe (i maschi
soprattutto) ha un panino che mangia a capo chino addentantolo a
intervalli. La spiegazione: sciopero ai mercati generali. L’agrario della
classe ha ingaggiato in notturna i compagni di classe per lo scarico
della merce. Ricompensa: un panino con la mortadella.
 <<<<<<<<<<                >>>>>>>>>>
 
 Anche la  mia  l’ironia in forma Gif ..Sia un modo attraverso il quale
esprimere la propria disapprovazione al fatto…

Nostalgia

  • Mi riporta la mente al passato,
    mi trascina seco lontano
    attraverso soavi ricordi.
    Una figura mi balza improvviso:
    ha negli occhi lucenti un sorriso,
    un tenero dolce sorriso.
    Soffia un soave alito fresco
    e al core giunge il sereno.
    Carezzo il visino e i capelli,
    nell’aria mi trema la mano.
    E nell’ombra mi porge tremanti,
    due petali rossi, olezzanti,
    due labbra carnose, cocenti,
    due morse che premono forte.
    È stanco il volto, è svagato,
    ma è quello che sempre ho sognato.

  • Alfonso Chiaromonte

Anche se ci siamo persi …..strada.

Ricordo ogni secondo passato con te, tra mille difficoltà della vita che ci ha causato. Sei e sarai sempre la mia energia . Il tuo pensiero mi fa vivere, vorrei averti sempre con me, ma neanche l’eternità basterebbe per dirti tutto quello che ho provato fin dal primo secondo, anche se tra il rimbeccarsi a vicenda ! ma c’è una sola cosa che mi viene in mente ora(i momenti con tenerezze che ci legavano )Grazie per questo!!Chissà se tra quei granelli di vita ti è rimasto anche un po’ di me.Con questo freddo ci vorrebbe qualcosa di caldo, per esempio un abbraccio. Magari il tuo.

Dedicato a mamma con tutto il mio cuore di figlia

Ieri è  nata una nuova stella ,si chiamava Silvana ,la mia dolce mamma!

Le voglio dedicare questa bellissima poesia della poetessa Silvana Stremiz

Non potrò mai compensarti
per quel bene che mi hai voluto,
per il tempo a me dedicato.

Per le favole, gli abbracci,
i rimproveri e tutto il resto.

Per quel bene immenso
che so con certezza che mi hai voluto.

Non potrò mai fare per te
tutto quello che tu hai fatto per me.

Ma posso dirti con certezza
una grande Verità:
“Ti Voglio bene”
con tutto il mio cuore.

L’esperienza più forte

 

Il dolore è l’esperienza più forte e più vera della nostra vita, è una lente attraverso cui è possibile vedere il mondo in modo nuovo. Il dolore è antico, talvolta nasce con noi o prima di noi. Nel superamento del nostro dolore intimo e profondo, nell’accettazione e nell’elaborazione di questo nostro male, sta la più grande e formidabile ricerca: quella della libertà del nostro essere uomini e donne, della conoscenza vera che parte da dentro per espandersi verso l’esterno. Chi rifiuta il dolore e ne fugge   in  realtà fugge da se stesso.